Tributi – imposte e tasse (in genere) – accertamenti – istituti di credito – D.p.r. 633/1972 art. 51 comma 2 nn. 2 e 7 –

movimenti bancari – contribuente – persone diverse – vincoli familiari

Il Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, articolo 51, comma 2, nn. 2) e 7), accorda all'ufficio il potere di Tributi – imposte e tasse (in genere) – accertamenti – istituti di credito – D.p.r. 633/1972 art. 51 comma 2 nn. 2 e 7 – richiedere agli istituti di credito notizie dei movimenti sui bancari intrattenuti dal contribuente e di presumere la loro inerenza ad operazioni imponibili, o non si deduca e dimostri che i movimenti medesimi siano stati conteggiati nella dichiarazione annuale o siano ricollegabili ad atti non soggetti a tassazione) non trova applicazione riguardo a conti bancari intestati esclusivamente a persone diverse, ancorché legate al contribuente da vincoli familiari o commerciali, salvo che l'ufficio opponga e poi provi in sede giudiziale che l'intestazione a terzi é fittizia o comunque, in relazione alle circostanze del caso concreto, dimostri la sostanziale imputabilità al contribuente medesimo delle posizioni creditorie e debitorie annotate sui conti.
• Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 14 gennaio 2015 n. 428

Newsletter

Vuoi ricevere ogni giorno nella tua casella e-mail l'ultima sentenza della Corte Suprema di Cassazione della disciplina prescelta?

Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la newsletter giornaliera del nostro sito. Indicando la disciplina, riceverai unicamente notizie relative alla disciplina selezionata.

Potrai disiscriverti in ogni momento tramite un link presente in ciascuna newsletter che ti invieremo.

Social network

Dove siamo